Magia e rito magico di Joseph Maxwell, 1928


Magia e rito magico

Magia e rito magico

Magia e rito magico di Joseph Maxwell, 1928 – Esposizione sistematica dei risultati degli studi moderni su questo fenomeno, di Joseph Maxwell (1873-1938), pubblicata nel 1928 con il titolo originale “La magie”. Il rito magico viene definito: “l’espressione di una volontà forte, affermata in ogni particolare del rituale, tendente a soggiogare esseri soprannaturali o a dominare forze naturali, ordinariamente sottratte all’impero dell’uomo“. Fattore principale del suo sorgere tra i primitivi è stata la constatazione di sogni o allucinazioni veridici, che li à condotti a pensare che l’uomo à un’anima, che si può manifestare dopo morte ai viventi, o, in individui dotati di facoltà eccezionali, separarsi dal corpo per trasportarsi a distanza a visitare luoghi e persone: e qui è anche la sorgente comune della religione.

Magia evocatoria, teurgica e magia nera

L’autore studia le differenti forme della magia: “evocatoria”, lecita e teurgica, ovvero illecita; la magia nera, la negromanzia; la magia simbolica e la cerimoniale; la “naturale”, divinatoria, simpatica, analogica. Per ognuna delle forme evocatone sono studiati le norme, i riti, la tecnica, l’efficacia e i pericoli, le precauzioni, le purificazioni richieste, i “legami magici” con i quali l’evocatore incatena l’essere soprannaturale invocato. Questa magia sembra trovare una giustificazione nella concezione che tra le varie parti dell’universo, come aveva già visto Plotino, “esiste una tale armonia, che il minimo avvenimento si riflette su tutto il corpo intero; che il più leggero movimento dell’anima umana non può vibrare senza che le stelle stesse siano in posizione armonica con quel particolare movimento, e con quello soltanto“. La magia naturale si dirige verso gli astri e le influenze che ne emanano, verso i minerali (alchimia), i fenomeni atmosferici, il fuoco. Gli scongiuri per la pioggia, la prova del fuoco, l’invulnerabilità, il sortilegio sono poteri attestati in tutti i secoli e per tutti i popoli da innumerevoli testimonianze. Paracelso spiega l’efficacia dei malefici, filtri, ecc., con l’energia della volontà che agisce sullo spirito e sul corpo astrale del maleficio, e per riflesso su quello fisico.

Divinazione e cure psichiche

Una base psicologica hanno invece i procedimenti magici della divinazione e delle cure psichiche. Alla magia, come “forma attiva del sentimento religioso”, si riportano la “magia nera”, opposta alla religione dominante, come religione di popoli vinti; e d’altro lato la “mistica religiosa” e il suo veicolo, l’ascesi, con i doni spirituali e psichici che la accompagnano. Così pure la stregoneria, sorta dal conflitto con l’ordine pubblico e spesso col dogma; nonché la “filosofia ermetica“, alla quale l’alchimia ha servito da mantello più che da base. Tra le forme moderne sopravvissute della magia, sono quella evocatoria, sotto forma di riti clandestini; quelle della stregoneria, della divinazione; quella terapeutica e delle piccole chiese mistiche. Tre forme sono qui particolarmente studiate: la magia terapeutica moderna e il magnetismo animale; lo spiritismo, “ben inferiore alla magia e alla mistica per la sua inesperienza pratica e ignoranza psicologica” ; e la teosofia, “misticismo raffinato volto all’intelligenza più che al sentimento”. Nell’ultimo capitolo, “La magia di fronte alla scienza moderna”, si rivelano meglio il pensiero e le vedute personali dell’autore, per cui i processi magici hanno lo scopo di sostituire l’attività della super-coscienza a quella della coscienza personale: scopi continuati oggi dalle scienze psichiche.

Annunci
Questo articolo è stato pubblicato in magia e contrassegnato come , , da Francesco Tadini . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su Francesco Tadini

Francesco Tadini. Aiuto Regista per alcuni anni al Teatro alla Scala di Milano, dall'Aida con Ronconi a il Pelleas et Melisande con Antoine Vitez. Regista televisivo per RAI, MEDIASET, TVSvizzera Italiana, ZDF, ARTE. Fondatore di tre società di comunicazione video e multimediale. Pubblicitario e consulente per ENI e SNAM Rete Gas. Ideatore e Produttore del primo adventure game multimediale di "Edutainment" in Italia, per ENI e LEGAMBIENTE: "Equilibrium". Ha realizzato per RAITRE per anni come autore e regista (sia dei documentari che delle dirette TV) il programma culturale di punta "Non solo Film" con Giancarlo Santalmassi conduttore. Un anno negli Stati Uniti con più di 1200 interviste realizzate per la RAI. Autore di 51 puntate del programma "La macchina del tempo" condotto da Alessandro Cecchi Paone e in onda su MTV Channel. Gallerista. Blogger. Ha fondato Spazio Tadini con la giornalista Melina Scalise